Recensioni

martedì 19 settembre 2017

Recensione: "Paper Princess" di Erin Watt

Buonasera, miei cari lettori caffeinomani! ^^
Oggi mi dedico ad un'altra recensione in arretrato dell'estate. Ho deciso di parlarvi di Paper Princess, uno dei romanzi più discussi e chiacchierati degli ultimi tempi. Ho letto molti pareri su questo romanzo, per lo più negativi. Io non mi sento di bocciarlo, l'ho letto un paio di volte ed entrambe mi ha divertito e rilassato. Ma leggete la recensione per conoscere il mio parere completo. Buona lettura!

Paper Princess


Serie: The Royals #1
Prezzo: 14,90 euro
Pagine: 352
Genere: young adult, contemporary romance
Editore: Sperling&Kupfer (collana Pandora)
Data di pubblicazione: 30 Maggio 2017


A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale. In quanto tale, sarà lui d'ora in poi a sostenere le spese per il suo mantenimento e la sua istruzione, a patto che Ella accetti di vivere con lui e i suoi cinque figli. Ella sa che il sogno che Callum Royal sta cercando di venderle è sottile come carta. Ed è diffidente e furiosa. Ma ancora di più lo sono i fratelli Royal. Easton, Gideon, Sawyer, Sebastian e... Reed. Magnetici e pericolosi, non mancano di farla sentire un'intrusa: lei non appartiene, e non apparterrà mai, alla loro famiglia. E a nulla valgono i tentativi pacificatori di Callum. Ella però non è certo il tipo che si lascia intimorire, e le scintille a casa Royal non tardano ad arrivare. Soprattutto dopo un bacio rubato, che innescherà un'inarrestabile spirale di rabbia, gelosia e desiderio. Per non scottarsi, Ella dovrà imparare presto le regole del gioco...

Paper Princess è stato un vero tornado. Approdato in Italia, grazie a Sperling&Kupfer, è diventato in pochissimo tempo un fenomeno editoriale e caso di accesi dibattiti. Non li ho seguiti tutti con interesse, anche perché non mi piacciono certe discussioni. I gusti sono sempre soggettivi e un libro può piacere o non piacere, inutile farne un caso nazionale. Sinceramente, non capisco perché abbia scandalizzato tanto, visto che è stato pubblicato di peggio, e poi da quando in qua il sesso oggigiorno è un tabù? I giovani ne sanno sicuramente abbastanza e non è certo un romanzo come Paper Princess che influenzerà le loro vite. E poi, come ho già detto, è stato scritto di peggio. A me Paper Princess non è dispiaciuto affatto, la storia è leggibile, la protagonista sa il fatto suo e lo stile di Erin Watt (pseudonimo dietro cui si celano Elle Kennedy e Jen Frederick) è scorrevole e intrigante. Conoscevo già Elle Kennedy per la sua serie new adult Off Campus ed è proprio perché dietro c'era il suo zampino che ho voluto leggere Paper Princess. La storia è molto particolare e stuzzica sin dalle prime pagine. Ella Harper ha avuto una vita difficile, fatta di stenti e dolore. La madre spogliarellista, i suoi tanti fidanzati dalle mani lunghe, i continui trasferimenti e la fatica per riuscire a pagare le bollette. Quando la donna si ammala, toccherà a Ella prendersi cura di entrambe e guadagnare abbastanza denaro per pagare anche le spese ospedaliere. Si ritroverà a fare così tre lavori, tra cui la spogliarellista, come la madre. Un bel giorno, entra nella sua vita Callum Royal, un uomo ricco e autoritario che si erge a suo tutore e la trascina via dal night club in cui lavora, promettendole una vita diversa. Lei è, in realtà, la figlia del suo migliore amico morto e Callum si sente responsabile verso la ragazza, vuole prendersene cura come fosse sua figlia, darle una sistemazione, una famiglia, un futuro degno. Renderla a tutti gli effetti una Royal. E così Ella si ritrova catapultata in un mondo dorato che non le appartiene, che sente totalmente estraneo, lei che ha sempre vissuto nella miseria. Ma è comunque affascinata dal privilegio che le viene concesso e, dato che Callum insiste, tentandola anche con molto denaro, decide di provare a vivere come una Royal.
Sarà un'esperienza davvero intensa, diversa da come la immaginava. La convivenza con i cinque figli maschi di Callum sarà pesante, ma Ella non è abituata a perdersi d'animo, dal momento che ne ha passate tante, e non saranno certo quei ragazzi viziati a demoralizzarla. Sin dal primo momento che li vede, o meglio, sin dal primo momento in cui vede Reed Royal, capisce che lui, e solo lui, sarà la sua rovina. Reed è bello e sicuro di sé, insolente e spudorato, e come tutti i suoi fratelli non vuole Ella tra i piedi. La considerano una poco di buono, un'arrampicatrice, una truffatrice, una succhiasoldi. I Royal si coalizzeranno per renderle la vita un inferno, sia in casa che a scuola, ma la forza di Ella avrà la meglio sui loro tentativi di sabotaggio. Nessuno, nemmeno la ragazza più popolare della scuola, maestra negli scherzi più atroci e imbarazzanti, riuscirà a piegarla. Raggiunta una tregua con i fratelli, Ella riuscirà finalmente a farsi apprezzare, a farsi conoscere, e ad instaurare con tutti loro un bel rapporto. Con Reed però sarà autentica passione. Abbandonati tutti i pregiudizi, entrambi si faranno travolgere dal desiderio, concedendosi teneri e appassionanti momenti. Sarà una storia clandestina la loro e, per quanto il più delle volte tentino di controllarsi, sarà davvero difficile. Ma i Royal sono da sempre fonte di guai, soprattutto per le donne che si innamorano di loro. E anche per Ella i guai sono dietro l'angolo...
Paper Princess è sicuramente un romanzo senza filtri. Le autrici non si fanno problemi a parlare di sesso, a usare termini anche piuttosto forti, a trattare tematiche molto delicate. Se tutto questo vi sconvolge, allora leggete altro. La protagonista viene da una realtà povera e malsana, è abituata a subire di tutto e a tirare fuori gli artigli quando serve. Lavora sodo, studia e ha intenzione di frequentare il college e nell'opportunità che le viene concessa da Callum vede la realizzazione di tutti i suoi sogni, la possibilità di riscatto che non pensava di poter mai avere. Ho apprezzato il suo personaggio, una ragazza che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno, che sa farsi valere quando tutti le danno addosso. Ha un passato difficile, ma questo non le impedisce di lottare per ciò in cui crede, anche se per farlo deve abbassarsi a fare lavori umilianti, sottostando ai pregiudizi della gente. Le interazioni con Reed Royal saranno molto intriganti. Lui la crede un'opportunista, ma nel momento in cui si renderà conto di essersi sbagliato sul suo conto, diventerà molto dolce e protettivo nei suoi confronti. Così come i suoi fratelli. Mi è piaciuto anche il rapporto che Ella instaurerà con Easton, altro personaggio interessante della serie. Il playboy per eccellenza, si rivelerà essere il più ironico e divertente tra i Royal, oltre che un buon amico, però anche lui, come tutti gli altri, nasconde dei segreti.
Il mondo dei Royal è un mondo all'apparenza fantastico e abbagliante, ma dietro il lusso e l'arroganza, si nascondono tanti problemi, tante storie, tanto dolore. Bisogna leggere il romanzo per comprendere i personaggi, le loro scelte, i loro comportamenti. Sono giovani, belli e insolenti, amano fare sesso e vantarsene, amano la bella vita, le feste e lo sfarzo, ma in fondo in fondo sono tutti ragazzi con un gran bisogno di affetto, che hanno perso una persona importante, il loro punto di riferimento, e non fanno, adesso, che andare alla deriva. Ragazzi che per la famiglia farebbero di tutto, pronti a spalleggiarsi e a proteggersi in ogni momento. Ecco cosa mi è piaciuto del romanzo, ecco perché salvo questo romanzo. Ella e Reed fanno scintille e anche se il finale apre ad uno scenario davvero inaspettato, state sicuri che questa serie riserverà sempre interessanti sorprese. Erin Watt è una rivelazione. Paper Princess provoca, scandalizza, sconcerta, ma funziona. Da leggere a mente aperta e con aspettative degne di un romanzo d'evasione.

Voto: 4 tazzine. Un romanzo stuzzicante, con una protagonista bella tosta. 

A presto!
xoxo

2 commenti:

  1. Che polverone ha alzato questa serie, voglio recuperarla per farmi un'idea personale ^^ La tua recensione mi è piaciuta molto come sempre <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely :) Beh, io l'avevo letto prima del polverone e mi era piaciuto, poi ho avuto modo di rileggerlo e continuo a non trovarlo così disgustoso. Insomma, sono gusti, alla fine ;) Poi fammi sapere che ne pensi tu ;) A presto!

      Elimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)