Ultime recensioni

martedì 27 novembre 2012

Recensione: "Incarceron" di Catherine Fisher

Cari followers,
dopo averla tirata un pochino troppo per le lunghe, a causa degli esami che mi tolgono molto tempo, ho terminato finalmente la lettura di Incarceron e sono pronta ad esporvi la mia opinione.
Ma prima di leggerla, preparatevi! Sarà una recensione un po' delirante, una libera espressione della mia estasi e del mio sgomento dopo aver letto un libro che sicuramente mi ha lasciata stranita, sia in positivo che in negativo (pochissimo in realtà il negativo:P)...

Incarceron
di Catherine Fisher


Serie: Incarceron (#1)
Prezzo: 14,90 euro
Pagine: 374
Editore: Fazi (collana Lain)

Incarceron è una prigione avveniristica e invisibile, dove i discendenti dei prigionieri originari vivono in un mondo oscuro scosso da rivalità e violenze. È un incrocio di inquietanti tecnologie, un edificio vivente, un Grande Fratello vendicativo e sempre in guardia, corredato di camere di tortura, sotterranei e passaggi segreti. In questo luogo un giovane prigioniero, Finn, ha delle visioni della sua vita precedente e non riesce a convincersi di essere nato e cresciuto lì. Nel mondo esterno Claudia, figlia del direttore di Incarceron, è intrappolata in un altro tipo di prigione – un universo tecnologico ma costruito con meticolosa cura affinché appaia come un’epoca antica – dove l'attende un matrimonio combinato con un ricco playboy che lei odia. Arriverà un momento in cui Claudia e Finn, contemporaneamente, troveranno un oggetto, una chiave di cristallo, attraverso la quale potranno parlarsi. E allora sarà solo questione di tempo prima che i due mondi, finora separati dagli spessi muri di Incarceron, entrino in contatto…

Guarda il booktrailer



Incarceron l'ho adorato, dall'inizio alla fine. Il mio istinto non si sbagliava, quando per la prima volta lessi la trama e capì che sarei rimasta affascinata da una tale storia. Ebbene, è stato esattamente così.
Vi dico subito che l'unica nota stonata di questo romanzo è stato il fatto che l'autrice abbia dato per scontata l'ambientazione, che abbia pensato che un lettore ignaro, accostandosi al suo testo, ne avrebbe automaticamente compreso ogni ingranaggio, anche il più complesso. Non è stato facile per niente, invece. Ancora adesso molte cose non mi sono chiare, anche se, leggendolo e usando la logica, sono giunta a fare le mie considerazioni, sperando di averle indovinate:P

Ingranaggi complessi, dicevamo. Incarceron è una Prigione, ma più che altro è un vero e proprio mondo, una realtà nella realtà, è come un mondo parallelo, un luogo che vive autonomamente e nel quale si entra ma non si può uscire. E' nata come rimedio ad un mondo basato su un rigido Protocollo e che non ammette deviazioni da esso, è nato per rinchiuderci dentro esseri pericolosi, malviventi, ladri e per migliorarli. E' nato con l'intento di essere un vero Paradiso, ma poi è degenerato, diventando un Inferno per chi ci vive. 
Violenze, torture, cattiverie. Ogni genere di atrocità è costretto a subire chi finisce in Incarceron. E, per quanto si sforzi di fuggire, esso è immenso e non permette alcuno sconto di pena.

cover originale 1° libro
In contrasto con il Dentro, vi è il Fuori. Il mondo in cui vive Claudia. Il mondo vero.
Claudia è figlia del Guardiano, colui che detiene la Chiave di Incarceron, un uomo tutto d'un pezzo che vizia la figlia, invece di amarla, che la costringe ad un matrimonio di interesse con il figlio della Regina Sia e che non accetta dalla ragazza alcun atteggiamento che non convenga con le sue regole. Un rapporto il loro molto complicato, che si fa fatica a comprendere fino alla fine, quando ci si rende chiaramente conto che la figura del padre, per Claudia, l'ha sempre e solo rappresentata il suo Maestro, Jasper.

Jasper e Claudia formano una coppia formidabile. Complici affiatati, uniranno le forze per "farla sotto il naso" al Guardiano. In altre parole, per derubarlo della Chiave che lui custodisce gelosamente.

Claudia non intende sposare il principe Caspar, dal momento che era promessa a suo fratello Giles, che è stato dato misteriosamente per morto. Indagando sulla sua scomparsa, Claudia ottiene degli indizi che la portano a credere che sia stato, in realtà, rinchiuso in Incarceron. Dietro vi sono intrighi di corte ed interessi che sfuggono alla sua comprensione. Ecco perché Claudia, con l'aiuto del Maestro Jasper, Sapiente molto dotato che studia strumenti proibiti e altamente ingegnosi, riuscirà ad intrufolarsi nello studio del padre e  rubargli la Chiave.

Il romanzo si svolge seguendo due punti di vista: uno sul mondo Dentro e uno sul mondo Fuori. Dentro assistiamo alle vicende di Finn, uno Starseer, un visionario, un ragazzo che non conosce nulla di sè ma che è convinto di non essere nato nella Prigione, bensì Fuori. Sul polso ha tatuata un'aquila, il segno innegabile che lui è diverso, il segno grazie al quale una Maestra si fiderà di lui, affidandogli una misteriosa Chiave.

Da qui le magnifiche avventure dei due protagonisti prenderanno il via e ci condurranno a perderci in luoghi indescrivibili! A perderci, LETTERALMENTE!
Vi posso assicurare che non mi è dispiaciuto affatto. Quando ho terminato il libro ho pensato: "Ecco perchè amo leggere. Ecco cosa possono regalarmi i libri". Ero totalmente conquistata, totalmente affascinata da Incarceron, che ho faticato a staccarmene e a riporlo nella mia libreria.

Con la mia mente, momentaneamente, poco allenata alla fantasia (se non all'interpretazione dei testi di Cicerone:P), non avrei mai immaginato di esplorare un mondo tanto originale quanto quello creato dall'autrice. Lei ha saputo condurmi in dimensioni nuove e indescrivibili, ha saputo spronare la mia immaginazione, facendola fiorire ed esplodere di gioia. Ha saputo narrare qualcosa di puro e nuovo e affascinante che non avevo mai avuto il piacere di leggere. Uno YA fantasy-distopico che consiglierei a tutti di leggere, anche solo per poter fare un viaggio memorabile in compagnia di personaggi unici, ricchi, complessi e bellissimi quanto la storia narrata stessa.

Parlando di personaggi, quello che di sicuro merita un elogio è Claudia. Una ragazza con le idee chiare, determinata e disposta anche a ribellarsi ai suoi doveri per ciò in cui crede. Nonostante il Protocollo, mille regole da rispettare e il temutissimo padre Guardiano sempre all'erta, lei non si lascerà piegare, non si sottometterà al volere di una Regina capricciosa e di un padre calcolatore, cercherà il suo principe perduto, l'unico che intenda sposare, e lo rimetterà sul trono, ristabilendo il giusto equilibrio delle cose.

Ma come fare se il Principe in questione è rinchiuso dentro Incarceron?

cover originale 2° libro
Claudia scoprirà che tramite la sua Chiave sarà possibile comunicare con qualcuno Dentro, con Finn, che possiede una Chiave identica alla sua. Dalla loro comunicazione nascerà un sodalizio e una tenera amicizia a distanza.

  Un'amicizia delicata e toccante, in un mondo crudele e corroso, una piccola perla in un romanzo che non punta sulla storia d'amore tra i due protagonisti, quanto sulla spettacolarità dei luoghi narrati, sul mondo circoscritto di Incarceron e sul suo mistero, sui suoi infiniti scenari e sulla particolarità del suo Occhio che tutto vede e tutto decide. 

Lasciatevi travolgere e sconvolgere da una storia fuori da ogni canone, lasciate che la vostra immaginazione scorrazzi libera sulle pagine di questo libro, che tra magia, misteri, leggende straordinarie, segreti e avventure sorprendenti, vi farà vivere un'esperienza che non dimenticherete mai!

Non aggiungo altro per non rovinarvi il piacere della scoperta. Vi consiglio di accostarvi al romanzo con prudenza e senza pregiudizi. Sebbene possa sembrarvi strano, inizialmente, durante e anche alla fine, sebbene vi porterà a pensare "Ma che diamine di roba sto leggendo?!", non allarmatevi: è normale! L'autrice non si prende la briga di spiegarci nulla, anzi poco e niente, si concede solo di farci fare un fantastico volo nella sua mente visionaria, nel suo mondo ipercomplesso, ma lo fa con maestria e con invidiabile classe. Le sue parole sono musica e magia. Abbandonatevi ad esse...
Entrate nel mondo di Incarceron e vedrete che anche per voi uscirne sarà impossibile...

Sono molto curiosa di vedere il film! Come saprete, i diritti del libro sono stati acquistati dalla Fox per farne un adattamento cinematografico, con protagonista Taylor Lautner, una delle star della saga Twilight. Sinceramente, non sto nella pelle. Sarà fantastico! Ma soprattutto, aspetterò con ardore ed impazienza il secondo capitolo della serie libresca (pare sia una duologia), "Sapphique", che già dal titolo mi fa prevedere un approfondimento su uno dei personaggi principali di Incarceron, plurinominato in ogni capitolo ma mai realmente presente... chissà, chissà...:)

Voto:  9/10


Questa recensione partecipa alla "Hogwarts Reading Challenge", organizzata da Denise, sul blog "Reading is Believing". Fa parte della casa "Grifondoro".





7 commenti:

  1. mamma mi ispira troppo ..speriamo qualche anima buona me lo regali per natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro di leggerlo vale, è straordinario secondo me;)prova a fare sapere a qualche tuo amico quanto ti piacerebbe leggerlo e te lo regaleranno sicuro, ma stressali:) ahahaha, con me funziona questa tattica!

      Elimina
  2. Socia che recensione affascinante xd ;)
    dovrò leggerlo assolutamente <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie socia:) E' il libro ad essere affascinante... adoro questo tipo di storie, nn posso farci niente... più sono originali più mi fanno innamorare*_*

      Elimina
  3. *_* non vedo l'ora di iniziarloooo!! mi intriga un sacco.... sempre sulla mensolina che attende!!! dopo tutto questo entusiasmo non posso lasciarlo lì a lungo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti, non sarebbe giusto! Incarceron merita davvero, ti sembrerà di entrare realmente in quel mondo, talmente è articolato e narrato bene...

      Elimina
  4. ordunque, lette le prime 2-righe-2 della recensione e mollata la', non voglio togliermi il gusto di leggerlo!!una prigione?affascinante location!!!quindi...allungo la wishing list, povera me!

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)