Recensioni

mercoledì 10 ottobre 2012

Recensioni: "Wicked. I segreti delle sorelle Cahill" di Jessica Spotswood

Carissimi followers,
ho terminato di leggere "Wicked. I segreti delle sorelle Cahill" di Jessica Spotswood e "Broken" di A.E. Rought e adesso vi posto una delle due recensioni, perché per Broken dovrete aspettare un giorno in particolare (poi capirete la ragione:P).

Wicked non è stata esattamente la lettura che mi aspettavo. L'ho atteso con ansia e ho sospirato di emozione dopo averlo finalmente stretto tra le mie mani (ringrazio la casa editrice per avermi inviato la copia da leggere e recensire). Il libro si presenta benissimo, devo dire, e della cover ci si innamora all'istante. Però, a lettura conclusa, devo confessarvi che mi ha lasciato un po' di amaro in bocca...


Wicked. I segreti delle sorelle Cahill
di Jessica Spotswood

Titolo originale: Born Wicked
Prezzo: 16,90 euro
Pagine: 330
Editore: Sperling & Kupfer (collana Pandora)

Mi chiamo Cate Cahill, ho sedici anni e sono una strega. Avete capito bene, una strega. E, se la Confraternita scoprisse il mio segreto, rischierei la prigione - o il rogo. Non è facile vivere nell'ombra, ma ho imparato a cavermela. Molto meglio di Maura e Tess, le mie sorelle minori. Per questo, prima che la mamma morisse, ho promesso di proteggerle a qualunque costo. Sono pronta a tutto, pur di mantenere la parola data, anche sacrificare il mio futuro e sposare un uomo che non amo. Voglio solo che le mie sorelle crescano tranquille, al riparo da sguardi indiscreti. Qualche giorno fa, però, ho trovato il diario della mamma. Non avrei dovuto leggerlo, lo so, ma non ho saputo resistere alla tentazione di curiosare nel suo passato. Mi sono nascosta in camera mia e ho iniziato a sfogliare le pagine fitte di appunti, ricordi, confidenze. Ho scoperto così che un'antica profezia incombe sulla nostra famiglia. Una Profezia che potrebbe cambiare il corso della Storia, e della nostra vita. Inizio a temere per me, e per le mie sorelle, e non so a chi chiedere aiuto. Solo Finn, il figlio della libraia del paese, sembra capirmi. Lui sa tutto di magia e stregoneria. E poi sa tutto di me. Finn mi ha presa per mano e mi ha trascinata in un mondo affascinante e pericoloso, un mondo che mia madre mi ha tenuto nascosto per troppo tempo. Credo di essermi innamorata di Finn nell'esatto istante in cui ho iniziato a leggere i libri proibiti e ho compreso il vero significato della profezia. Il nostro destino è già stato scritto e non è in mio potere cambiarlo. Io, Maura e Tess non possiamo fidarci di nessuno. Nemmeno l'una dell'altra.

Guarda il booktrailer




Cate Cahill è la maggiore di tre sorelle e, dopo la morte della madre, sulle sue spalle gravano pesanti responsabilità. Essendo tutte e tre streghe, così come lo era la madre, le ragazze devono stare perennemente all'erta, perché la società in cui vivono è pericolosa per chi è come loro. 
La Fratellanza, una confraternita dai discutibili ideali religiosi che ha preso piede e potere, ha come scopo principale quello di dare la caccia alle streghe. Esse, un tempo molto forti e potenti, hanno subito una vera e propria persecuzione da parte loro, sono state eliminate una ad una. La "caccia" si perpetua e, anche se non vengono più messe al rogo, qualunque strega o donna sospettata di esserlo viene rinchiusa nel manicomio di Harwood. Ecco perché Cate e le sue sorelle devono stare molto attente, devono badare a non esercitare la magia in pubblico, a non parlarne con nessuno, a non destare alcun sospetto. Soprattutto dopo che Cate scopre l'esistenza di un'antica profezia che parla di tre sorelle streghe che riporteranno in auge il Potere delle Streghe o l'epoca del Terrore, tre sorelle di cui una più forte delle altre, capace di esercitare la magia mentale.
Cate entra nel panico a questa rivelazione e il motivo è facilmente intuibile: lei conosce la magia mentale, l'ha praticata in passato ed è l'unica che l'abbia fatto, che lei sappia, tra le tre. Inoltre, pare sia molto raro che nascano tre sorelle streghe nella stessa famiglia. La profezia non può che parlare di loro e, se davvero è così, sono in grave pericolo.

Mi ha messo parecchia ansia leggere questo romanzo, il che è buono, significa che mi ha preso sul serio. Cate è in costante pensiero per le sue sorelle, che vuole proteggere ad ogni costo, è apprensiva come una madre (d'altronde, si può capire) e, a volte, è davvero insopportabile, con la sua mania di tenere tutto sotto controllo. Capisco che Maura, la sorella minore, si senta soffocata e voglia le sue libertà, voglia compiere le proprie scelte, indipendentemente da ciò che imponga l'autoritaria e pragmatica Cate. Tess, la più piccola, è un personaggio davvero molto bello, perché all'inizio sembrerebbe trattarsi di una ragazzina frivola e spensierata, ma poi si rivelerà più matura e intelligente di quanto ci si possa aspettare. E' dolcissima ed è l'opposto di Maura, che ha un carattere molto più ribelle e appassionato. Eppure, entrambe, provano lo stesso amore per la magia e per gli studi, vorrebbero praticarne molto di più, ma Cate le tiene a freno. Lo fa per il loro bene, certo, ma più avanti capirà che, se solo non avesse nascosto loro alcune verità o le avesse lasciate un po' più libere di esprimere loro stesse, qualche guaio si sarebbe potuto evitare...
Fortuna che c'è Finn...:) Finn Belastra è il giardiniere e, sin da subito, Cate se ne sente attratta. Lui è anche il figlio della libraia del paese, è colto e intelligente, il perfetto antagonista dell'altro corteggiatore di Cate, Paul McLeod, uno sbruffone sicuro di sè e del proprio fascino, che Finn però scalzerà col suo, molto più umile e dolce. Perchè dico "fortuna che c'è lui"? Beh, perché è grazie a Finn che Cate riuscirà a sbottonarsi un po'... finalmente! Lui le farà provare emozioni incredibili, lui sarà capace, con i suoi baci, di far perdere a Cate il controllo di se stessa e dei suoi poteri (memorabili le scene dei loro baci, quando cadono le piume o quando Cate fa sbocciare la primavera!). Lui che, in realtà, sa molto più di quanto Cate immagina e che sarà pronto a fare qualunque sacrificio per lei...

Eppure, per quanto Cate faccia un percorso di cambiamento dall'inizio del libro, imparando a lasciarsi un po' andare, a vivere le proprie emozioni e a scoprire quel pizzico di felicità che potrebbe avere se solo seguisse il suo cuore, alla fine, sarà sempre il suo senso del dovere ad avere la meglio, si lascerà pilotare dalla Sorellanza (una confraternita al femminile, opposta alla Fratellanza, e composta, nel segreto, da streghe), compiendo la scelta meno ovvia, ma più deludente...
Non rivelo altro riguardo la storia che, fondamentalmente, mi è piaciuta, trovo sia un buon debutto per l'autrice, però mi ha lasciata un po' perplessa. Quanto avevo letto di un paragone con la serie su Gemma Doyle (di Libba Bray) è alquanto improponibile, sebbene sempre di streghe in epoca vittoriana si parli, con i loro segreti e i loro turbamenti, con i pericoli che la magia comporta. Siamo lontani anni luce dalle ambientazioni gotico-romantiche di "Una grande e terribile bellezza", dai suoi personaggi perfettamente delineati e dalla storia complessa, oscura e profonda che strizza l'occhio all'indipendenza femminile e alla libertà. In Wicked c'è un tentativo (purtroppo, in parte, fallito) di voler riproporre tutte quelle caratteristiche, ma il risultato finale è, a mio parere, decisamente inferiore. La storia è scorrevole, raccontata in prima persona al presente storico dalla protagonista, ma ho trovato le descrizioni troppo rapide, poco approfondite. Poche parole, a volte, per descrivere scene su cui la scrittrice non ha voluto soffermarsi ma il lettore, magari, avrebbe voluto leggere volentieri. 
Eppure, sebbene abbia riscontrato tanti punti a suo sfavore, continuavo a leggerlo con piacere, perché il mio sesto senso mi dice che nei romanzi della serie che seguiranno dovrò ricredermi su tutto. Le basi sono buone, bisogna vedere se l'autrice le saprà sfruttare bene e saprà valorizzare il suo talento e l'intreccio piacevole di questa storia. Sicuramente c'è parecchio materiale su cui lavorare: voglio sapere ancora di più sulla profezia, voglio capire meglio cos'è la Sorellanza (vi sono pochi accenni in Wicked, ma tali da attirare la mia curiosità) e voglio scoprire che ne sarà di Finn, ma soprattutto dell'amore tra lui e Cate... 
Il secondo romanzo della serie uscirà in patria nel 2013, qui in Italia chissà quando, spero non sia una lunga attesa, perchè sono davvero troppo curiosaaa!!:P

Voto: 7.5/10

Partecipo con questa recensione alla Hogwart Reading Challenge, organizzata sul blog Reading is Believing. La Casa è quella di Grifondoro.









7 commenti:

  1. Bella recensione socia,,,,
    Avevo pensato di proporti il booktrailer e le immag. da inserire nelle recensioni,,,,ma come sempre hai letto i pensieri ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il booktrailer lo pubblico quando è davvero uno che mi piace tantissimo, come questo ad esempio... non trovi sia fantastico? E cmq questo libro mi ha ispirato tante immagini, peccato non poterle mettere tutte... però le meritava:) Io amo i fiori e la protagonista del romanzo adora il suo giardino e cura sempre le sue rose e poi fa sbocciare la primavera in autunno!!... Che meraviglia*_*

      Elimina
  2. bella recensione complimenti!!
    ALlora ho questo libro in ebook!!però ancora non sono riuscita a leggerlo!!
    Mi incuriosisce questo libro, però dal momento che dovrebbe uscire nel 2013 il secondo, in italia boh!!aspetterò ancora un pò, per non dover aspettare un eternità dopo tra un libro e l'altro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti, quando l'ho iniziato non sapevo avrei dovuto aspettare tanto, di solito mi informo prima... Se esce nel 2013 in patria, chissà qui...:(
      E poi mette così tanta curiosità il finale...! Dovrebbero proibirli finali simili, non si può!

      Baci

      Elimina
  3. Bellissima recensione!A me non è piaciuto molto, ma ho ottime speranze per il seguito, anche perché come hai detto tu le basi sono buone e l'idea di partenza è molto interessante =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Juliette;) Sì, l'idea è buona, è la forma che lascia un po' a desiderare.. ho trovato poco approfondite alcune parti, ma anch'io nutro speranze per il seguito! Spero mi farà ricredere sui miei dubbi..
      A presto

      Elimina
  4. Sembra piuttosto interessante e comunque ne parli abbastanza bene, ho letto recensioni un po' altalenanti a riguardo :)

    RispondiElimina

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)