Recensioni

mercoledì 18 luglio 2012

Recensione: "Starcrossed" di Josephine Angelini


"Starcrossed" è stata una lettura fresca ed entusiasmante in cui mi sono catapultata, terminandola in pochi giorni. Sinceramente, non credevo mi avrebbe catturato così tanto, e invece non volevo più staccarmene...


Scheda tecnica

Titolo: Starcrossed
Autore: Josephine Angelini
Prezzo: 16,50 euro
Pagine: 464
Editore: Giunti Editore (collana Y)

Trama

Helen, timida adolescente di Nantucket, sta quasi per uccidere il ragazzo più attraente dell'isola, Lucas Delos, davanti a tutta la sua classe. L'episodio si rivela essere qualcosa di più di un mero incidente. Helen teme per la sua salute mentale: ha iniziato ad avere incubi di notte e allucinazioni di giorno. Ogni volta che vede Lucas le appaiono tre donne che piangono lacrime di sangue. Il tentato omicidio porta Helen a scoprire che lei e Lucas non stanno facendo altro che interpretare i ruoli di un'antica tragedia d'amore. Le apparizioni femminili rappresentano infatti le Erinni. Helen, come l'omonima Elena di Troia, è destinata a dare inizio alla guerra a causa della sua relazione con Lucas. I due scoprono sulla loro pelle che i miti non sono leggende. Ma è giusto o sbagliato stare con il ragazzo che si ama se questo significa mettere in pericolo il resto del mondo? Come si sconfigge il destino?


Recensione

In Starcrossed ha un ruolo centrale la mitologia greca. Ed è la prima volta che mi dedico ad una lettura così diversa, con un argomento che non sia tra i più gettonati dei recenti young adult, ma risulti altrettanto interessante.

Helen Hamilton è una ragazza straordinariamente bella e con grandissime doti fisiche e intellettive. Da sempre si sente diversa e vorrebbe non esserlo così tanto, ma non può farci niente e, nel suo piccolo, cerca di convivere con quella diversità, senza dare troppo nell'occhio. Eppure sa che una spiegazione razionale esiste. Deve esistere.

Quando sull'isola  di Nantucket, in cui vive, si trasferisce la famiglia Delos, finalmente, Helen troverà molte delle risposte che cercava.

Tutto inizia con un incontro assolutamente insolito.
Non appena Helen vede Lucas Delos a scuola, gli salta addosso intenzionata ad ucciderlo. Tre donne anziane la perseguitano e la costringono a fargli del male, e anche lui prova lo stesso rancore di Helen.
Anche lui vorrebbe ucciderla.
Quelle tre donne sono le Furie e perseguitano i Discendenti degli dei a causa di un'antichissima guerra mai conclusa, una faida secondo cui il sangue chiama sangue...

Helen scopre così di essere una Discendente, nata dalla relazione tra una divinità e un umano, e di appartenere ad una delle quattro Case esistenti, ormai ridotte a quella di Tebe, di cui la famiglia Delos fa parte, e alla sua, che non si sa ancora quale sia (ma si scoprirà).

Un giorno, però, Helen e Lucas si salvano la vita a vicenda, mettendo così fine alla persecuzione delle Furie, ripagando il debito di sangue della Casa. Da quel momento in poi, Helen viene presa in casa Delos come fosse un membro della famiglia, tutto perché lei è l'unica Discendente dell'ultima altra Casa rimasta e se morisse, la casa di Tebe otterrebbe il Trionfo, ovvero la possibilità di vivere nella leggendaria Atlantide o addirittura  ottenere l'immortalità. I Delos che non hanno mai voluto arrivare a uccidere tutti i membri delle altre Case per accaparrarsi il Trionfo, si sono distaccati dagli altri membri della Casa di Tebe, i Cento Cugini, e, scoperta l'esistenza di Helen a Nantucket, cercheranno di proteggerla e insegnarle a difendersi. Perché sicuramente qualcuno dei Cento Cugini la vorrà morta, prima o poi.

Comincia così l'addestramento di Helen e la scoperta con tutte le sue infinite capacità. Helen è ancora più forte di  quanto immaginava di essere, ha doti sovrannaturali e poteri straordinari. E' una delle Discendenti più forti che siano mai esistite.
Tutti i Discendenti sono dotati di qualche potere particolare. Ogni membro della famiglia Delos lo è.
Ho letteralemente adorato questa famiglia di bellissimi e potentissimi semidei, che un po' mi hanno ricordato la famiglia Cullen, e che mi hanno fatto davvero emozionare per il loro legame più che speciale.

E, poi, liberi dalla persecuzione delle Furie, anche Lucas ed Helen sentono di poter istaurare un legame tra loro, anche se Lucas sarà sempre un po' trattenuto (ma per motivi che capirete leggendo!)

La storia è scritta in modo lineare, diretto, senza fronzoli. Non si perde in descrizioni troppo lunghe né in dialoghi troppo noiosi. Praticamente si legge d'un fiato. L'autrice ha fatto un buon lavoro di sintesi, inserendo tantissime scene anche d'azione e passando da una all'altra in brevissimo senza darti il tempo di rendertene conto. Solitamente è una cosa che non apprezzo, ma è una costante di questo romanzo e l'ho apprezzata per questo. Non mi ha mandato in tilt il cervello come presumevo. Tutto il romanzo segue questo ritmo rapido.

I personaggi sono tantissimi e se non sono riuscita a confondermi significa che anche su di loro è stato fatto un ottimo lavoro di caratterizzazione.
Lucas ed Helen, poi, sono meravigliosi.
Lui è l'incarnazione del ragazzo ideale: bello, intelligente, scaltro, dolce, dotato, sempre pronto a difendere la donna amata. Chi non si perderebbe nei suoi splendidi occhi azzurri senza sognare una vita insieme a lui?*_*
Lei, che all'inizio mi sembrava un po' schizzata:P, si rivela un personaggio altrettanto interessante. La presa di coscienza della sua vera natura, dei suoi poteri e, soprattutto, alla fine, del suo scopo (elemento che viene rimandato al secondo libro), ne hanno fatto una delle mie protagoniste preferite. E' forte e fragile allo stesso tempo, ma lascia davvero poco spazio alla sua debolezza. Affronta ogni sfida con grande coraggio, nonostante per lei sia tutto nuovo e sconosciuto.

Anche Creon è un bel personaggio (era), il cattivo della circostanza, come ogni altro membro della famiglia Delos, della quale mi sono letteralmente innamorata: Ariadne, Jason, Cassandra, Noel, Hector... wow, sono tutti strepitosi! E poi ci sono Claire e Matt, i migliori amici di Helen. Oh, quanto posso aver adorato anche loro, specie la "nanerottola" Claire:)

La trama non è intricata come può sembrare a primo impatto, bisogna fare l'abitudine con i nomi, la storia, le vicende ecc... ma viene tutto spiegato e rispiegato, chiarito poco a poco, fino a che, una volta intuito il meccanismo, si entra alla perfezione nel vivo del romanzo. E uscirne richiederà uno sforzo enorme!

Non entro nel dettaglio della storia perché è davvero molto bella, ricca e affascinante. E' assolutamente tutta da scoprire. Viene raccontata con un piglio leggero ma accattivante. Ci saranno scene che vi faranno morire dal ridere e altre che vi strazieranno il cuoricino (soprattutto alla fine), scene in cui vi troverete spiazzati di fronte a eventi assurdi e altre in cui vi domanderete se Josephine Angeline potrà mai accettare una vostra  ipotetica richiesta di scrivere una saga infinita di libri come Starcrossed.

Insomma, a me è piaciuto davvero tanto. L'ho trovato originale, coinvolgente, simpatico e molto romantico.
Voi che opinione vi siete fatti di questo romanzo, se l'avete letto? Sono proprio curiosa...

Naturalmente ve lo consiglio, se vi piacciono i romanzi corali, tanta azione, guerra,amore maledizioni, e storie travagliate e impossibili...

Voto 8/10

Nessun commento:

Posta un commento

Commentare non costa nulla!:) Lascia pure il tuo commento, sarò felice di risponderti;)